La bellezza globale: Medicina e Chirurgia Estetica al servizio del benessere psicofisico.

L’invecchiamento si manifesta in diversi modi: con il cedimento dei tessuti verso il basso, con la comparsa di rughe sempre più profonde, con l’atrofia e l’assottigliamento della pelle. Per sollevare i tessuti che con il passare del tempo sono scivolati verso il basso serve la Chirurgia, è necessario il lifting (dall’inglese to lift, sollevare), mentre per riempire e correggere le rughe serve la Medicina Estetica, servono i fillers (dall’inglese to fill, riempire). Negli ultimi anni la Medicina Estetica ha conosciuto progressi notevoli. Ad esempio, il nuovo filler a base di acido ialuronico semi-crosslinkato pensato ad hoc per correggere le rughe dell’area sottopalpebrale inferiore, Teosyal Redensity [II], rappresenta indubbiamento un grande miglioramento. Se si tratta di correggere un piccolo avvallamento, una piccola occhiaia, è straordinariamente efficace nel ridare turgore alla regione palpebrale. Ma quando l’area perioculare presenta una borsa di grasso che va rimossa o quando c’è cute in eccedenza nella palpebra inferiore o in quella superiore, bisogna ricorrere alla Chirurgia, la quale è in grado di dare risultati eccezionali.

Leggi tutto (PDF)

Articoli correlati