I filler "dinamici" e le nuove frontiere della medicina estetica

La ricerca medico-scientifica svizzera ha portato alla creazione e alla commercializzazione negli ultimi anni di una nuova generazione di filler dermici a base di acido ialuronico. Mi riferisco ai cosiddetti filler “dinamici”. Il processo tecnologico brevettato Preserved Network, che li caratterizza, è in grado di garantire a questi filler una elasticità tale da integrarsi perfettamente nel derma salvaguardando i movimenti originali del volto. Gli studi dimostrano che il metodo Preserved Network mantiene al meglio le proprietà viscoelastiche naturali delle lunghe catene di acido ialuronico, ottenendo un gel dalla elevata purezza e dalla struttura dinamica, che garantisce, nello stesso tempo, una correzione di lunga durata.

Si è trattato di un lavoro di ricerca importantissimo per il progresso dell’Estetica Medica. Questo perché le pazienti richiedono oggi un risultato che sia al tempo stesso esteticamente perfetto e pienamente naturale. I filler tradizionali, di vecchia concezione, erano spesso molto “rigidi” mentre la caratteristica principale dei filler “dinamici” è la capacità di integrarsi perfettamente nelle diverse aree anatomiche, costituendo – per così dire – una sorta di secondo tessuto in grado di seguire i movimenti e l’espressività del volto senza alterarli o condizionarli in alcun modo. Non di rado impiantiamo questi filler anche nelle persone anziane, misurandoci quindi con situazioni nelle quali l’acido ialuronico presente naturalmente nella pelle si è ridotto in modo drastico e ha perso di elasticità. Ebbene, anche in queste situazioni i filler “dinamici” consentono di ripristinare il volume desiderato, integrandosi perfettamente nei tessuti.

Leggi tutto (PDF)

Articoli correlati

Le nuove tecniche dolci. Via i difetti senza chirurgia

Ecco entrare in gioco metodiche di riferimento a diverse profondità che stanno spostando il lifting chirurgico molto più in là negli anni. "L'uso di acido ialuronico e rossina botulinica - spiega Maria Gabriella Di Russo, idrologo e medico estetico a Milano e Formia - permette di attenuare una piccola gobba sul naso e risollevarne la punta, riequilibrare volumi e contorni, migliorare gli angoli mandibolari, riposizionare gli zigomi, riempire le tempie infossare, le occhiaie e ridare forma alle labbra".

Successo per il Congresso Sime che ha visto oltre 3500 presenze

Grande successo per il 40° Congresso nazionale della Società italiana di medicina estetica (Sime) che ha visto oltre 3500 presenze e la partecipazione di più di 150 aziende. Tanti gli argomenti su cui si sono confrontati migliaia di medici che quest'anno hanno partecipato al Congresso della società scientifica: dalle ultime novità in medicina estetica ai progressi della disciplina, dal sostegno ai controlli dei Nas alla collaborazione con CittadinanzAttiva per l’informazione corretta ai pazienti, dall’abuso di filler all’analisi degli errori e alla gestione delle complicanze in medicina estetica. 

Botulino e acido ialuronico La "doppia iniezione" ideata per lui

L'uomo è protagonista al 40° Congresso di medicina estetica SIME in corso a Roma. "È stato presentato - spiega Maria Gabriella Di Russo, idrologo e medico estetico a Milano e Formia - un nuovo trattamento con filler per contrastare i segni del tempo e avere un aspetto più giovanile". Secondo i dati Asaps (America Society for Aestethic Surgery) le iniezioni di acido ialuronico e tossina botulinica sono tra le preferite del pubblico maschile, dopo liposuzione e liposcultura.