I filler "dinamici" e le nuove frontiere della medicina estetica

La ricerca medico-scientifica svizzera ha portato alla creazione e alla commercializzazione negli ultimi anni di una nuova generazione di filler dermici a base di acido ialuronico. Mi riferisco ai cosiddetti filler “dinamici”. Il processo tecnologico brevettato Preserved Network, che li caratterizza, è in grado di garantire a questi filler una elasticità tale da integrarsi perfettamente nel derma salvaguardando i movimenti originali del volto. Gli studi dimostrano che il metodo Preserved Network mantiene al meglio le proprietà viscoelastiche naturali delle lunghe catene di acido ialuronico, ottenendo un gel dalla elevata purezza e dalla struttura dinamica, che garantisce, nello stesso tempo, una correzione di lunga durata.

Si è trattato di un lavoro di ricerca importantissimo per il progresso dell’Estetica Medica. Questo perché le pazienti richiedono oggi un risultato che sia al tempo stesso esteticamente perfetto e pienamente naturale. I filler tradizionali, di vecchia concezione, erano spesso molto “rigidi” mentre la caratteristica principale dei filler “dinamici” è la capacità di integrarsi perfettamente nelle diverse aree anatomiche, costituendo – per così dire – una sorta di secondo tessuto in grado di seguire i movimenti e l’espressività del volto senza alterarli o condizionarli in alcun modo. Non di rado impiantiamo questi filler anche nelle persone anziane, misurandoci quindi con situazioni nelle quali l’acido ialuronico presente naturalmente nella pelle si è ridotto in modo drastico e ha perso di elasticità. Ebbene, anche in queste situazioni i filler “dinamici” consentono di ripristinare il volume desiderato, integrandosi perfettamente nei tessuti.

Leggi tutto (PDF)

Articoli correlati

Guardateci, il ritocco funziona

BIORIVITALIZZAZIONE

Di che cosa si tratta: è uno dei trattamenti più richiesti che consente di idratare, donare luminosità e migliorare la pelle del viso. Chiamata anche biostimolazione, può essere fatta anche in giovane età a scopo preventivo, poiché l'età anagrafica non sempre corrisponde all'età biologica dei tessuti cutanei.

Punturine Salva Pelle

L'esigenza di chi ha una pelle poco compatta e poco elastica, oltre che carente di struttura, è quella di una vera e propria cura ricostituente. "Il trattamento più indicatoper affrontare l'estate in questo caso è una dermoristrutturazione, "punturine" a base di acido ialuronico super idratante arricchito da un complesso di aminoacidi, antiossidanti, minerali e vitamine" spiega la specialista. In questo complesso ristrutturante ogni componente ha una propria funzione. "Gli aminoacidi stimolano la produzione delle fibre collagene contribuendo al rimodellamentodei tessuti.

Occhiaie di ragazza, via le occhiaie con il filler

Quando le occhiaie sono blu vuol dire che la cute molto sottile della zona lascia intravedere il colore dei vasi sanguigni sottostanti, la fitta trama di vene, arterie e capillari che orrirano la zona. La soluzione è la "dermoristrutturazione". Si tratta di un nuovo filler (acido ialuronico e un complesso ristrutturante di 8 aminoacidi, 3 antiossidanti, 2 minerali e vitamina B6) appositamente studiato per essere iniettato nel contorno occhi senza causare gonfiori o lividi. "il suo obiettivo è quello di dare un maggiore spessore alla cuta della palpebra inferiore per renderla meno trasparente.