I FILLER DINAMICI E LE ULTIME FRONTIERE DELLA CHIRURGIA ESTETICA

Prof. Dott. Sito, in tema di ringiovanimento del volto, oggi i chirurghi più esperti tendono a riservare il bisturi solo ai casi estremi, non altrimenti risolvibili. Lei sposa questa filosofia di lavoro?

Le donne oggi richiedono un risultato estetico che sia il più naturale possibile; la loro più grande paura, quando pensano di sottoporsi ad un trattamento di medicina o chirurgia estetica, è infatti quella di ottenere risultati innaturali ed eccessivi rispetto alle loro aspettative. I progressi degli ultimi anni, in questo campo, però sono stati notevoli: la parola d'ordine oggi è mini-invasività! In tema di ringiovanimento del volto, ad esempio, grazie a una nuova fonnulazione di acido ialuronico, il filler dinami­co, è possibile ottenere risultati straordinari senza stravolge­re i lineamenti del viso.

...E' un trattamento doloroso?
Assolutamente no! La procedura ambulatoriale, che richiede pochi minuti, prevede delle micro-iniezioni di acido ialuro­nico dinamico nelle aree depresse attraverso l'uso di un sottilissimo ago. Normalmente ben tollerata, può essere talvolta accompagnata da un gel anestetico. 

 

Leggi tutto (PDF)

Articoli correlati

I "ritocchini" per lui

Se per secoli il concetto di bellezza si è legato al mondo femminile, oggi le mode e i costumi hanno sovvertito questa esclusività, dando vita a trattamenti dedicati anche all'uomo. Si, perché riservarsi attenzioni, migliorare il proprio aspetto fisico e prestare più attenzione alla propria immagine non significa perdere virilità, ma aiutarsi a stare meglio con se stessi e con gli altri. 

A me gli occhi

Un nuovo trattamento non chirurgico ringiovanisce lo sguardo, sollevando guance e palpebre.

La medicina estetica ha messo a punto una nuova tecnica iniettiva non invasiva, dedicata al ringiovanimento dello sguardo. Il suo nome è G-Point Lift, precisa nell'iniettare i filler dove serve. Da sempre gli occhi sono considerati una delle parti più espressive del viso, ma con l'uso della mascherina hanno conquistato una posizione leader come strumento di dialogo.

Bye bye codice a barre

Il trascorrere del tempo, l'esposizione solare e le ripetute contrazioni dei muscoli di alcune aree del viso fanno comparire le prima rughe superficiali che, se non trattate, tendono a trasformarsi in solchi. Sulle labbra, nello specifico, si formano linee verticali che prendono il nome di codice a barre, poiché hanno una vaga somiglianza con il barcode dei prodotti.