Smascherati: sieri, make up e idratazione. La pelle sotto la protezione

Il virus ha cambiato la nostra vita, la società e la cura per il corpo. Gel e mascherine possono favorire (complice il caldo) irritazioni, arrossamenti e secchezza della pelle. Ecco i consigli per modificare la nostra beauty routine: "Evitare gli struccanti oleosi o dalla texture ricca e cremosa, possono lasciare untuosità - spiega Maria Gabriella Di Russo, specialista in Idrologia e medico estetico a Formia e al Centro Clinico Agorà di Milano -. Da sostituire con acqua micellare o mousse che si risciacquano, emulsioni fluide e antirossori e gel, tutti a base di sostanze naturali, decongestionanti e lenitive, come aloe e camomilla.

 

...E le labbra che si screpolano sotto la mascherina? " É stato formulato un Lip Primer [3D] con un gel di acido ialuronico incapsulato che nutre e idrata. É un booster-primer concentrato in olio-gel ad azione filmante e protettiva, a base di complessi ristrutturanti e potenti microsfere per la veicolazione transepidermica di acido ialuronico vettorizzato e collagene, ideale per la cura quotidiana delle labbra post filler.

 

Leggi tutto (PDF)

Articoli correlati

I "ritocchini" per lui

Se per secoli il concetto di bellezza si è legato al mondo femminile, oggi le mode e i costumi hanno sovvertito questa esclusività, dando vita a trattamenti dedicati anche all'uomo. Si, perché riservarsi attenzioni, migliorare il proprio aspetto fisico e prestare più attenzione alla propria immagine non significa perdere virilità, ma aiutarsi a stare meglio con se stessi e con gli altri. 

A me gli occhi

Un nuovo trattamento non chirurgico ringiovanisce lo sguardo, sollevando guance e palpebre.

La medicina estetica ha messo a punto una nuova tecnica iniettiva non invasiva, dedicata al ringiovanimento dello sguardo. Il suo nome è G-Point Lift, precisa nell'iniettare i filler dove serve. Da sempre gli occhi sono considerati una delle parti più espressive del viso, ma con l'uso della mascherina hanno conquistato una posizione leader come strumento di dialogo.

Bye bye codice a barre

Il trascorrere del tempo, l'esposizione solare e le ripetute contrazioni dei muscoli di alcune aree del viso fanno comparire le prima rughe superficiali che, se non trattate, tendono a trasformarsi in solchi. Sulle labbra, nello specifico, si formano linee verticali che prendono il nome di codice a barre, poiché hanno una vaga somiglianza con il barcode dei prodotti.