Solo per le tue labbra

Ritocchi sì, purché non si vedano. Vale per le rughe e i lineamenti del volto, ma soprattutto per le labbra, dove gli eccessi non sono più ammessi e la richiesta di un risultato naturale è ormai al primo posto.

...Per questo i filler di ultima generazione sono "sartoriali", studiati in base alle caratteristiche di ciascuna bocca. Gli specialisti usano prodotti e tecniche differenti a seconda dell'anatomia e dei desideri regalando risultati personalizzati, discreti ma anche più duraturi.

Per ridefinire il contorno

"L'assotigliamento delle labbra, associato alla perdita di definizione dei contorni, è l'inestetismo più frequente, specialmente dopo i 40 anni" racconta Maria Gabriella Di Russo.

Per aumentare il volume

"Per chi punta a una bocca super seducente, c'è un acido specifico per la volumizzazione più importante che restituisce labbra più carnose, nutrite e rimpolpate" Spiega Maria Gabriella Di Russo.

Leggi di più (PDF)

Articoli correlati

I "ritocchini" per lui

Se per secoli il concetto di bellezza si è legato al mondo femminile, oggi le mode e i costumi hanno sovvertito questa esclusività, dando vita a trattamenti dedicati anche all'uomo. Si, perché riservarsi attenzioni, migliorare il proprio aspetto fisico e prestare più attenzione alla propria immagine non significa perdere virilità, ma aiutarsi a stare meglio con se stessi e con gli altri. 

A me gli occhi

Un nuovo trattamento non chirurgico ringiovanisce lo sguardo, sollevando guance e palpebre.

La medicina estetica ha messo a punto una nuova tecnica iniettiva non invasiva, dedicata al ringiovanimento dello sguardo. Il suo nome è G-Point Lift, precisa nell'iniettare i filler dove serve. Da sempre gli occhi sono considerati una delle parti più espressive del viso, ma con l'uso della mascherina hanno conquistato una posizione leader come strumento di dialogo.

Bye bye codice a barre

Il trascorrere del tempo, l'esposizione solare e le ripetute contrazioni dei muscoli di alcune aree del viso fanno comparire le prima rughe superficiali che, se non trattate, tendono a trasformarsi in solchi. Sulle labbra, nello specifico, si formano linee verticali che prendono il nome di codice a barre, poiché hanno una vaga somiglianza con il barcode dei prodotti.