Stop al sorriso gengivale con botulino e filler

Nuove tecniche per correggere il gummy smile, il “sorriso gengivale”. Viene definito tale quando il labbro superiore, sollevandosi nell’atto di sorridere, scopre eccessivamente le gengive. E si sa che la vista delle mucose gengivali può essere vissuta in modo negativo, specie se queste sono un po’ gonfie e con una festonatura irregolare. «Un tempo le star ricorrevano a invasivi interventi di chirurgia maxillo-facciale per armonizzare il sorriso. Oggi, invece, è possibile ricorrere alle infiltrazioni di tossina botulinica, che blocca il muscolo elevatore del labbro superiore», spiega il professor Giuseppe Sito, chirurgo plastico a Napoli, Torino e Milano.

«Basta fare due sole microinfiltrazioni sopra la bocca, a destra e a sinistra del naso, per bloccare il muscolo in modo da consentire al labbro superiore di scendere dolcemente fino a coprire le gengive. Il costo è di circa 300 € a seduta e l’effetto dura cinque mesi». È importante sottolineare che la tossina botulinica dev’essere infiltrata da mani esperte a questo tipo di trattamento.

Leggi tutto (PDF)

Articoli correlati

I "ritocchini" per lui

Se per secoli il concetto di bellezza si è legato al mondo femminile, oggi le mode e i costumi hanno sovvertito questa esclusività, dando vita a trattamenti dedicati anche all'uomo. Si, perché riservarsi attenzioni, migliorare il proprio aspetto fisico e prestare più attenzione alla propria immagine non significa perdere virilità, ma aiutarsi a stare meglio con se stessi e con gli altri. 

A me gli occhi

Un nuovo trattamento non chirurgico ringiovanisce lo sguardo, sollevando guance e palpebre.

La medicina estetica ha messo a punto una nuova tecnica iniettiva non invasiva, dedicata al ringiovanimento dello sguardo. Il suo nome è G-Point Lift, precisa nell'iniettare i filler dove serve. Da sempre gli occhi sono considerati una delle parti più espressive del viso, ma con l'uso della mascherina hanno conquistato una posizione leader come strumento di dialogo.

Bye bye codice a barre

Il trascorrere del tempo, l'esposizione solare e le ripetute contrazioni dei muscoli di alcune aree del viso fanno comparire le prima rughe superficiali che, se non trattate, tendono a trasformarsi in solchi. Sulle labbra, nello specifico, si formano linee verticali che prendono il nome di codice a barre, poiché hanno una vaga somiglianza con il barcode dei prodotti.