Una bocca al bacio

Anche la medicina estetica si prende cure delle labbra.

..."Si può calcolare il modello estetico perfetto per ciascuna paziente attraverso un'app, chiamata Teoxane Italia Lips, che è stata presentata qualche mese fa al Congresso Internazionale di Medicina e Chirurgia Estetica di Bologna" dice Giuseppe Sito, chirurgo plastico. "Si inseriscono le misure del labbro inferiore, superiore e del solco labiale e l'applicazione fornisce al medico le indicazioni precise di che cosa, quanto bisogna correggere e di quale filler sia più adatto allo scopo". Impossibile sbagliare.

Leggi tutto (PDF)

Articoli correlati

Occhiaie di ragazza, via le occhiaie con il filler

Quando le occhiaie sono blu vuol dire che la cute molto sottile della zona lascia intravedere il colore dei vasi sanguigni sottostanti, la fitta trama di vene, arterie e capillari che orrirano la zona. La soluzione è la "dermoristrutturazione". Si tratta di un nuovo filler (acido ialuronico e un complesso ristrutturante di 8 aminoacidi, 3 antiossidanti, 2 minerali e vitamina B6) appositamente studiato per essere iniettato nel contorno occhi senza causare gonfiori o lividi. "il suo obiettivo è quello di dare un maggiore spessore alla cuta della palpebra inferiore per renderla meno trasparente.

Il rivoluzionario filler topico con RHA ®

Novità assoluta è l'RHA ® topical skin booster il primo filler non iniettivo per uso topico professionale. Una formula unica che ga-rantisce protezione, nutrimento, idratazione e rinnovamento cuta-neo. Utilizzabile anche dopo procedure estetiche invasive, quali: peeling, dermo abrasione, laser e microneedling.

Ridensificazione dinamica e azione antiaging

Come scriveva Henry Haverlock: "L'assenza di difetti nella bellezza è di per sé un difetto". I particolari aggiungono carattere e fascino a un volto, rendendolo più interessante. Infatti, se un tempo la principale richiesta era quella di un viso "senza Rughe", oggi il desiderio è avere una pelle più luminosa e sana ma senza stravolgere i propri lineamenti. Con l'età, infatti, la pelle perde la sua naturale pienezza e capacità di riflettere la luce.